Il 2019 è l’anno zero della domotica di nuova generazione: un mercato che cresce del 20% all’anno, con ben 38 milioni di dispositivi Echo Amazon Alexa installati e 138 milioni di assistenti vocali nel mondo, grazie alla semplicità d’installazione e uso.
Per questo motivo chiacchierando con clienti e amici sempre più spesso mi viene chiesto: cosa posso fare con Alexa? Scegliere Alexa o Google Home? Quali skill Alexa usi?
Per questo motivo ho deciso di scrivere questo articolo: 5 cose che devi assolutamente fare con Amazon Alexa.

Amazon-Echo-alexa-google-home-skill-sommario-del-giorno

Impostare il sommario del giorno

Il sommario del giorno è una potentissima feature, quella che uso di più; tipicamente al mattino quando mi alzo se sono da solo, oppure durante il pranzo. Il mio sommario del giorno comprende:

  • News da Sky TG24
  • Almanacco del giorno (Santo del giorno, anniversari e giornate nazionali/mondiali, ricorrenze e aneddoti della giornata, personaggi famosi nati nel giorno…)
  • Meteo geolocalizzato
  • News da TGCOM24
  • News da Repubblica.it

Le fonti di news che ho scelto sono abbastanza varie da un punto di vista politico, non si dilungano eccessivamente e non sono neanche troppo stringate. Inoltre vengono aggiornate molto spesso durante la giornata, per cui è facile ascoltare sempre nuovi aggiornamenti.
Adoro il sommario quotidiano perché mi aiuta ad informarmi senza costringermi a navigare sui siti di news, risparmiando tempo perché magari lo ascolto mentre mi preparo per uscire o mangio. Inoltre il fatto che condensi il meglio in pochi minuti lo rende molto più efficace del classico telegiornale (che comunque non guardo dato che non possiedo la tv).
Esistono molte altre fonti informative ma al momento sono contento della durata e qualità di questo palinsesto; tuttavia se trovi qualche skill Alexa interessante in proposito fammelo sapere!

Amazon-Echo-alexa-google-home-skill-echo-show-domotica-i-want-to-break-free

Cucinare con Alexa

Spesso mi capita di aprire il frigo e non sapere cosa preparare la sera, oppure di non ricordarmi qualcosa di una ricetta, tipo un tempo di cottura o un ingrediente. In qualunque di questi casi Alexa ti aiuta con l’indispensabile skill di Giallozafferano. La domanda “Alexa dimmi una ricetta con peperoni e pan grattato” ad esempio mi ha fatto scoprire (e realizzare) una sfiziosissima leccornia giusto una settimana fa (peperoni gratinati in padella). Se hai un Echo Dot l’interazione è solo vocale: Alexa ti racconta la ricetta un po’ alla volta, si ferma quando devi compiere delle azioni tipo sbucciare le patate o affettare i peperoni, poi al tuo Avanti procede guidandoti fino al prossimo passo. Se hai un Echo Show ti mostra anche i video tutorial. Al momento la uso con un Echo Dot e mi trovo bene.

Praticamente ho smesso di consultare i siti di cucina dal computer, per cui ho anche smesso di fare avanti-indietro dalla scrivania, e dovendomi lavare le mani ogni 3 minuti per scrollare verso il basso la pagina, dato che le ricette sono chilometriche per via delle immagini. Ancora una volta quindi l’interazione vocale batte sia il computer che lo smartphone in termini di praticità.

Amazon-Echo-alexa-google-home-skill-echo-show

Impostare timer, sveglie e appuntamenti, ascoltare la musica

Impostare sveglie, timer e appuntamenti con un comando vocale sono task decisamente meno rivoluzionari degli altri prima elencati, perché in fondo Siri e Google Assistant lo fanno già sui nostri smartphone. Tuttavia la comodità di chiedere di punto in bianco ad Alexa o Google Home di farlo non ha eguali: lo pensi, lo dici, lo fa. Non devi cercare il telefono e quando suona l’appuntamento lo sentono tutti a casa, per cui puoi anche impostare una sveglia per chi resta in casa dopo che sei uscito.

Il discorso della musica è più articolato: se hai un solo dispositivo non è molto diverso di chiederlo, a Siri o Google Home. Inizia a diventare decisamente più figo se hai molti dispositivi in casa, perché puoi farli suonare tutti insieme in sincrono, per cui la casa risuona delle tue canzoni preferite, come se fosse una discoteca, come se avessi una colonna sonora di film che ti segue, ed è una sensazione davvero speciale che hai provato forse solo nei locali notturni.
Per quanto riguarda la sorgente, puoi usare la libreria Amazon Music Basic o Unlimited (gratis o a pagamento), il tuo account Spotify (gratis o a pagamento) oppure, come faccio io, collegare Alexa ad Apple Music.

Amazon-Echo-alexa-google-home-skill-cromoterapia

Anche i gatti amano la cromoterapia

Comandare le luci LED RGBW e creare routine

Qui la faccenda inizia a farsi seria, perché entriamo davvero nel campo della domotica, e cambia la percezione che hai degli ambienti. Siamo da sempre abituati a usufruire delle nostre case come di ambienti di servizio. In larga parte le stanze vengono utilizzate come contenitori molto grandi in cui facciamo cose al riparo dall’esterno. Mentre quando vogliamo stupirci, andiamo al pub/discoteca, al centro benessere o al cinema.

Un uso sapiente delle nuove luci led RGBW trasforma continuamente la casa in ambienti totalmente differenti, in cui i colori e la musica (o i suoni ambientali come la pioggia, il fuoco o il mare) riprodotti dallo speaker creano esperienze gratificanti. Facciamo qualche esempio.

Amazon-Echo-alexa-google-home-skill-luci-rgbw

Estate, il sole va tramontando, ci prepariamo a cenare nella veranda protetta da zanzariere. Luci principali spente. Nel soggiorno le strisce led illuminano una parete con l’arancione del tramonto, l’altra parete diventa turchese acqua, l’hi-fi riproduce una playlist lounge stile Budda Bar di Ibiza oppure il suono delle onde, la veranda ha una luce calda a bassissima intensità, giusto per non cenare al buio, oppure delle luci led a goccia da poggiare sulla tavola.

Inverno, ore 18 ormai fa buio, spengo la luce principale della stanza e accendo le luci ambientali. Parete blu elettrica, parete fucsia, parete lilla, colonna sonora di Blade Runner, e lavoro a un nuovo progetto immerso in un mood che mi trasmette le “vibrazioni” che mi servono per creare.

Amazon-Echo-alexa-google-home-skill-cosa-scegliere-domotica

Prossimamente creerò delle routine per una doccia cromoterapica rilassante impiegando luci, suoni e profumatore comandato da smart switch, e la routine per un risveglio con luci e suoni della natura. E questi sono solo alcuni esempi di usi che voglio implementare: magari qualcun altro è più interessato ad avere una luce che si illumina automaticamente quando entra nelle stanze o scende dal letto per andare in bagno di notte (molto utile per anziani e bambini).

Allego inoltre la testimonianza di Alessandro Devinu, amico fotografo: “ho una macchina del caffè e l’ho messa in routine, ovvero: ALEXA, BUONGIORNO (lo posso dire da qualsiasi stanza), quindi cosa succede? accende la luce cucina al 30%, accende la macchina del caffè, fa partire una playlist (la mia è Vasco anni 80) a volume 2. Il tutto dure il tempo per fare colazione, 15 min.
Poi, ALEXA PALESTRA: fa partire una playlist fitness da Amazon music a volume 5 x 30 min.+ luce studio al 100% verde.
Poi ho anche la BUONANOTTE: una luce ingresso rossa al 10%, una luce rossa in camera al 10% + una playlist di Enya per 55 min…. e molte altre. Insomma ci devi investire soldi e tempo per abituarti a comunicare, il primo mese mi sentivo un imbecille, oggi mi sento come nel futuro ma abituato.”

libero dal cellulare digital detox

Liberazione

Dopo alcuni giorni di utilizzo emerge una nuova proprietà di cui finora non abbiamo parlato, una proprietà che non è una funzionalità specifica di Alexa ma che è intrinseca dell’interfaccia vocale. Puoi finalmente liberarti dalla schiavitù di smartphone e computer. Finora tutti i compiti di cui sopra dovevi svolgerli davanti al monitor, o abbassando la testa per guardare il telefono. Adesso tutte queste cose puoi farle in libertà, chiedendo ad Alexa di farle senza dover guardare uno schermo luminoso, appena le pensi.

All’inizio non te ne rendi conto perché siamo assuefatti dalla schiavitù del telefono, ma in realtà col tempo la sensazione di libertà che ne deriva è veramente gradevole e non ne puoi più fare a meno, anzi ne vuoi sempre di più. Anche la casa acquista nuovi significati, e da semplice contenitore di cose diventa luogo di esperienze.

Amazon-Echo-alexa-google-home-skill-echo-show-domotica

Altre funzionalità

Ci sono altre funzionalità di cui non ho parlato ma che sono molto utili: monitorare i bimbi con una IP camera ed Echo Show per chi ha bambini piccoli; creare un sistema di videosorveglianza domestico ad una frazione del costo che avrebbe avuto fino a un paio d’anni fa; domotizzare gli elettrodomestici di casa con gli switch da muro o le prese wifi. Il limite è davvero solo la tua fantasia.

scegliere alexa o google home

Scegliere Alexa o Google Home?

I dispositivi sono in grado di fare più o meno le stesse cose, ma l’ecosistema che sta intorno ad Alexa è talmente enorme ed in continua crescita che al momento per me i dispositivi Echo Alexa sono la scelta migliore per domotizzare casa. E soprattutto le Skill, ovvero le applicazioni per Alexa, sono molte di più. Lo store Alexa è immenso e lo sviluppo skill Alexa procede senza sosta, un po’ come fu nel 2007 per l’App Store. E per quanto scritto pocanzi, credo che avrà un grande futuro.

Spero di essere stato utile con questo articolo per spiegare perché secondo la mia esperienza accogliere in casa la rivoluzione domotica è davvero un grande passo avanti verso il futuro.