Hai scoperto che su Facebook la gente fa i big money, e vuoi sapere come creare le vetrine per le pagine Facebook per farli pure tu? UTENTE GOLOSO!

Quando ho scoperto che Facebook ha messo a disposizione le vetrine per le pagine, così da vendere direttamente sulla piattaforma, mi è venuta un’espressione come questa:

sono veramente euforico come creare le vetrine per le pagine Facebook

Dieci minuti dopo mi sono messo a sperimentare su come creare una vetrina per la pagina Facebook della mia agenzia di comunicazione, e ho scelto di promuovere la creazione e stampa di biglietti da visita realizzati da un bravo designer in carne e ossa.

Riassumo la procedura su come si crea una vetrina per la pagina Facebook per chi non l’avesse ancora usata:

come creare una vetrina su facebook

  1. Innanzitutto scegli se vuoi vendere con un link esterno a Facebook, appoggiandoti quindi al tuo ecommerce, Amazon, eBay…, oppure se vuoi farti contattare via messaggio alla pagina per vendere il prodotto. Io ho scelto di vendere su www.geofelix.com creando una landing page ad hoc. ATTENZIONE: Non puoi tornare più indietro su questa scelta a meno di non cancellare l’intera vetrina!
  2. Crei la scheda prodotto iniziando dal nome del prodotto che viene visualizzato nella vetrina Facebook. È importantissimo e deve essere breve!
  3. Aggiungi delle belle foto, e fai in modo che siano già quadrate, perché nella vetrina Facebook non ti è concesso di ritagliarle.
  4. Aggiungi una descrizione interessante, accattivante, e che spieghi nel dettaglio il prodotto.
  5. Aggiungi il prezzo del prodotto.
  6. Ricordati di flaggare il campo che indica la condivisione del prodotto in bacheca.

 

come-creare-una-vetrina-per-le-pagine-facebook-come-vendere-su-facebook

Hai capito come creare una vetrina per la pagina Facebook? Bene! Magari hai voglia di fare come me e inserzionare direttamente il prodotto? Male! Malissimo!!

Perché a fronte di alcune migliaia di visualizzazioni i prodotti puri sono post con una viralità NULLA rispetto a un post reale, per cui io ho collezionato solo “una manciata” di click sul link.

I prodotti vanno taggati nei post!

Nel frattempo è arrivato Lorenzo, un nuovo partner di Geofelix che stampa magliette di design di alta qualità e collabora con artisti di fama internazionale.
Per questo cliente la vetrina prodotti cade a fagiolo: è proprio la maniera ideale per presentarsi su Facebook! Per cui dopo aver creato la pagina di Chimeras Factory, immediatamente abbiamo creato anche la vetrina con i prodotti. Ovviamente questa volta si tratta di una vetrina molto complessa con una trentina di prodotti, varie declinazioni dei design su magliette e felpe, dei soggetti molto interessanti con descrizioni forti, per cui siamo partiti a cannone indirizzando i click di acquisto sullo store ebay di Chimeras pensando: BEH! Facebook è già una forza nel far girare i contenuti, taggando i prodotti nei post faremo sicuramente un botto!

come-si-crea-una-vetrina-su-facebook

E infatti pronti via abbiamo fatto un grandissimo botto contro il muro.

Praticamente il rapporto tra le persone che cliccano sul prodotto taggato nel post così da vedere la vetrina rispetto alle visualizzazioni del post stesso oscilla tra lo 0,5% e l’1%. Non parliamo quanti di questi cliccano sul pulsante acquista…

Un disastro!

A quel punto sorgono i dubbi: la colpa è delle magliette, del pubblico errato delle inserzioni, o della vetrina? Perché allora i post hanno tantissime interazioni ma pochi click sulla vetrina? Il target è comunque basato su interessi molto specifici: non è che Facebook sbaglia a indirizzare la sponsorizzazione?

 

Mettiamo che magari siamo stati scarsi noi. E gli altri?

Discutendone con due preparatissimi esperti di digitale, sono riuscito a farmi dare i numeri di una campagna simile incentrata sui libri scritti da uno di loro. I libri in questione sono taggati nei post, i quali presentano un contenuto testuale originale e molto interessante, un link ad un articolo di approfondimento inerente il personal branding e spiegano la possibilità proprio di vendere mediante la vetrina sulla pagina Facebook. Praticamente il contenuto perfetto per attirare utenti interessati, contatti caldi pronti all’acquisto.

Che numeri ha fatto il nostro esperto?

Migliori dei nostri. Ma di quanto? Nel suo caso la percentuale di click sulla vetrina prodotto è stata mediamente doppia di quella nostra, ovvero nell’ordine dell’1-2% sul totale delle impressioni, mentre le persone inviate allo store sono state tra 0,25% e 0,5% del totale delle impressioni. Sono numeri circa doppi di quelli registrati per le magliette.

not bad meme

Si può fare di meglio? ABBIAMO SCOPERTO DI SI!

Spiando la concorrenza (di cui non farò il nome perché tu che leggi DEVI vedere quanto sono belle le magliette di Chimeras Factory e comprarle)  abbiamo notato che le altre pagine di magliette anziché taggare i prodotti della vetrina nei post, inseriscono i link accorciati verso eBay direttamente nei post.

Seppur scettico, visto le note penalità che Facebook applica ai post con link esterni, ho deciso di assecondare il tentativo proposto da Lorenzo.

come vendere su facebook

Risultato?

Le persone che cliccano il link sono raddoppiate mediamente rispetto al numero di click sulla vetrina. Con la differenza che in questo caso le persone che raggiungono già eBay, e quindi sono DAVVERO a un passo dall’acquisto, sono più che decuplicate!

come vendere su facebook 2

NOTA IMPORTANTE: Non ho preso in considerazione gli acquisti in nessuno dei due casi. Credo che l’acquisto alla fine sia una cosa strettamente dipendente dal prodotto, molto più di quanto lo sia il lavoro di marketing. Il lavoro di marketing consiste nel generare un contatto caldo, fargli compiere consapevolmente una serie di azioni e farlo arrivare davanti all’aggiunta del prodotto al carrello. Da lì in poi il gioco dipende quasi unicamente dal prodotto, e quindi dal cliente che il marketer assiste.

CONSIDERAZIONI FINALI [Gennaio 2017]

  1. Se usi le vetrine per le pagine Facebook, secondo quella che è la mia esperienza finora, aspettati un CTR dalle visualizzazioni verso la vetrina compreso tra 2% e 0,5%.
  2. Se usi le vetrine per le pagine Facebook, aspettati un  CTR tra visualizzazioni e negozio esterno compreso tra lo 0,5% e lo 0%.
  3. Se usi link ai marketplace esterni a Facebook nel corpo del testo aspettati un CTR tra visualizzazioni e negozio esterno fino al 5%!
  4. In ogni caso devi pagare la sponsorizzazione del post altrimenti non ti si filerà nessuno.
  5. Il lavoro di marketing sui social può farti guadagnare tanti soldi o bruciare tanti soldi, a seconda di come lo fai. Se non vuoi spendere a caso e preferisci ottimizzare il tuo budget chiedi a un esperto di social media marketing.
  6. Questi risultati sono molto probabilmente sinonimo del fatto che gli utenti oggi sono più abituati a cliccare sui link e uscire dalla piattaforma anziché pensare di comprare prodotti su Facebook.
  7. Facebook è percepito ancora come un posto in cui passare il tempo piuttosto che come un posto sicuro dove acquistare.
  8. I prodotti della vetrina taggati nei post sono meno invasivi dei link nei post, e alla lunga potrebbero fornire uno strumento “dolce” per parlare dei prodotti senza stressate il pubblico.
  9. Amazon e eBay possono ancora dormire sonni tranquilli.

CONSIDERAZIONI FINALI [Agosto 2017]

  1. Non pare sia cambiato nulla. Pochissimi usano le vetrine, traggano i prodotti nei post, e ancora meno ci cliccano sopra. Ma restiamo a monitorare gli sviluppi.

Vuoi vendere dei prodotti online? 
Allora leggi di Power Svapo: abbiamo creato un nuovo brand e il relativo ecommerce per un’azienda storica,
e sta andando alla grande!


E se sei interessato a vendere online scrivimi a sales@geofelix.com oppure usa il modulo di contatto:

 


*Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo il DLGS 196/2003 "Codice in materia di protezione dei dati personali" e sono consapevole che i dati forniti verranno utilizzati solo per il contatto con l'utente nell'ambito dell'espletamento della richiesta specificata.
Cliccando su Privacy Policy è possibile leggere l'informativa per il trattamento dei dati personali.